🎨 I colori in spagnolo

Ciao, oggi impareremo i colori in spagnolo, come? Semplice, insieme a Julio il nostro madrelingua spagnolo.

Abbiamo preparato per te una tabella dove puoi trovare tutti i colori base che sono davvero fondamentali se stai studiando spagnolo, è vietato quindi non saperli!

Troverai anche un’altra tabella con i colori, quelli un po’ più specifici, così se vorrai esattamente “quel” colore saprai come si dice!

Prima di vedere le tabelle dei colori in spagnolo, è bene che tu sappia che diversamente dall’italiano, in spagnolo tutti i colori hanno anche il plurale. 

Colore rosa al plurale, esempio:

Mi camiseta es rosa – La mia maglietta è rosa.

Mis camisetas son rosas – Le mie magliette sono rosa.

Il genere dei colori

Un’altra cosa da sapere è che molti colori hanno una sola forma per maschile e femminile così come per l’italiano.

Alcuni dei colori che non cambiano genere sono:

Rosa, verde, azul, gris, turquesa.

Alcuni colori che cambiano genere:

Blanco, negro, rojo, amarillo, morado, cioè quei colori che terminano in -o al maschile e che quindi formano il femminile in -a.

 ¿DE QUE COLOR ES?             DI CHE COLORE É ?

 EL COLOR ES…                      IL COLORE É. ….

I colori in spagnolo

ItalianoSpagnolo
neronegro
biancoblanco
gialloamarillo
rossorojo
azzurroazul claro
bluazul oscuro
grigiogris
verdeverde
indacoañil
marronemarrón
arancionenaranja
rosarosa
violamorado
Beigebeige
fucsiafucsia

TERMINI RELATIVI AI COLORI:

ItalianoSpagnolo
Scurooscuro
biondorubio
Chiaroclaro
testa di mormarrón oscuro
accesoeléctrico
lucidobrillante
opacoopaco, sombreado

SFUMATURE DI COLORI

Ardesia Pizarra
ArgentoPlata
AvorioMarfil
Blu oltremareAzul marino
BordeauxBurdeos
Bronzo Bronce
CarboneNegro carbón
Carta da zucchero Tarjeta de azúcar
Catrame Alquitrán
Giallo pastelloAmarillo canario
GlicineNon ha traduzione
Grigio cenereGris Ceniza
IndacoAñil
LavandaLavanda
SabbiaArena
MelanzanaBerenjena
OroOro
OttoneLatón
Porpora Púrpura
RameCobre
Rosa pastelloPastel rosa
Rosso carneCarmesí
SeppiaSepia
TurcheseTurquesa
SalmoneSalmón
ZaffiroZafiro
Verde oliva Verde oliva
Viola scuroMorado

✍️ COME CHIEDERE E DARE INFORMAZIONI IN SPAGNOLO

Ciao! Oggi insieme al nostro madrelingua spagnolo impariamo come chiedere e dare informazioni in spagnolo.

Spesso capita di chiedere informazioni quando siamo in giro, specialmente se non siamo nel nostro paese,  dunque è veramente molto importante saper dire almeno quelle poche frasi spagnole che potranno esserci d’aiuto in caso stiamo cercando un ristorante, una farmacia, un museo o più semplicemente la strada del ritorno a casa!

Poche semplici e chiare frasi in spagnolo che possono essere preziose, vediamo insieme quali:

Immagina di essere in giro per le meravigliose città spagnole e di aver bisogno di informazioni per raggiungere il luogo desiderato, forse conviene sapere qualche parola spagnola piuttosto che cercare di farci capire a gesti 😬 non credi? 

Tranquillo, sono semplici e chiare frasi in spagnolo che potrai imparare a memoria! 

Frasi che possono servire se si è per strada

  • “Scusi, un’informazione per favore” – Desculpa,una pregunta por favor
  • “Mi potrebbe dire dove si trova”… – Donde puedo encontrar …
  • “Cerco un buon ristorante”  – Busco un restaurante
  • “Sto cercando”…: Estoy buscando…
  • “Mi sono perso, mi può aiutare?”  –  ¿Estoy perdido, me puede ayudar?
  • “Scusi, un’informazione per favore” – Desculpa,una pregunta por favor
  • “Mi potrebbe dire dove si trova”… – Donde puedo encontrar …
  • “Cerco un buon ristorante”  – Busco un restaurante
  • “Sto cercando”…: Estoy buscando…
  • “Mi sono perso, mi può aiutare?”  –  ¿Estoy perdido, me puede ayudar?

A queste domande vi potranno rispondere così: està a la…(si trova a…) 

  • “Destra” – derecha
  • “Sinistra” – izquierda
  • “Sotto” – abajo
  • “Sopra” – encima
  • “Avanti” – adelante
  • “Dritto” – recto
  • “Vicino” – cerca
  • “Affianco“ – de lado

Adesso invece vediamo le frasi in spagnolo che ci possono aiutare se siamo in qualche locale e vogliamo comprare o mangiare qualcosa. 

Frasi in spagnolo che possono servire se si è in locali pubblici, bar, ristoranti ecc…

  • Avete un tavolo per sei? – ¿Tenéis una mesa para seis ?
  • Per iniziare, vorrei… -Como entrante, me gustaría…
  • Come primo piatto vorrei… – Como plato principal, me gustaría…
  • Da bere, vorrei… – Para beber, me gustaría…
  • Il conto, per favore  – La cuenta, por favor
  • Come dolce, vorrei…-  Como postre, me gustaría…
  • Quanto costa? –  ¿Cuánto cuesta?

Per finire ricordati queste semplici frasi spagnole qui sotto che saranno indispensabili se hai deciso di viaggiare e muoverti utilizzando i mezzi pubblici. 

Frasi che possono servire nei trasporti pubblici

  • A che ora parte il treno? – ¿A qué hora sale el tren?
  • Quanto costa? – ¿Cuánto cuesta?
  • Dove siamo? –  ¿Dónde estamos?
  • Devo cambiare treno? – ¿Hace falta cambiar de tren?
  • Dove si trova la stazione dei treni più vicina? –  ¿Dónde está la estación de trenes más cercana?
  • Dov’è la biglietteria? –  ¿Dónde está la taquilla ?
  • Carta d’imbarco –  tarjeta de embarque
  • Navetta –  servicio de enlace
  • Prendere un taxi –  coger un taxi
  • Noleggiare un’auto –  alquilar un coche 
  • Dov’è il bagno? –  ¿Dónde están los servicios?

Sono sicura che queste semplici frasi in spagnolo ti aiuteranno molto per capire e farti capire su cosa stai cercando e di cosa hai bisogno!

🍿 🥤 LE 10 SERIE TV SPAGNOLE PIÙ VISTE 🎬

Ciao! Oggi voglio parlarti di uno dei metodi migliori per imparare spagnolo subito e in modo divertente, guardare film o serie tv in lingua originale! 

Siii lo so, tutti i siti web raccomandano questo, ma è vero!!

Qui ti proponiamo le 10 migliori serie tv che potrai vedere in lingua originale se sei un esperto, altrimenti con sottotitoli in italiano se hai bisogno di aiuto per comprendere meglio.

Le serie tv ti permetteranno d’imparare qualcosa di nuovo sulla Spagna e sulla lingua spagnola! 

LA CASA DE PAPEL

Se sei rimasto uno dei pochissimi che non l’ha ancora vista, ti consiglio di accendere subito la tv e farti trasportare da questa fantastica serie che ha avuto moltissimo successo nel nostro paese e in tutto il mondo!

La casa de papel (la casa di carta) parla di una rapina alla zecca di stato e dei suoi bizzarri protagonisti, Tokyo, Berlino, Nairobi, Rio, Denver, Mosca, Helsinki, Oslo e l’immancabile “mente” e capo di tutta questa banda, il Professore.

Una serie sicuramente avvincente e piena di colpi di scena che ti farà restare a bocca aperta!

Una curiosità:

La casa de papel nasce in Spagna come miniserie da due stagioni, la prima stagione piace ed è seguita, lo stesso non successe con la seconda stagione, purtroppo il seque non decollò e non ebbe lo stesso successo della prima e addirittura si stava pensando di interrompere le riprese della seconda stagione quando inaspettatamente arrivò Netflix che decise di comprare la serie tv e portarla sul mercato mondiale dove non solo fece un clamoroso successo ma addirittura si continua a produrre nuove stagioni! 

…io sto aspettando con trepidazione la 5°stagione 😜

VIS a VIS

Se ha nostalgia di Nairobi e della cattivissima detective Sierra della casa de papel, qui le ritroverai come protagoniste di questa serie tv che se vogliamo può ricordare un po’ “Orange is The New Black”.

Ambientata in un carcere femminile Zulema, Macarena e altri personaggi lottano ogni giorno per sopravvivere  in un carcere dove le regole le dettano le detenute.

Questa serie è poco consigliata ad un pubblico di minori perchè contiene un linguaggio volgare e molte scene di sesso.

LAS CHICAS DEL  CABLE (le ragazze del centralino)

Dopo Vis a Vis un’altra serie tutta al femminile  😃  e prima serie originale di Netflix prodotta in Spagna.

Protagoniste quattro deliziose ragazze che iniziano a lavorare per la Compagnia dei Telefoni.

In cerca di libertà e della propria indipendenza, impresa molto difficile soprattutto negli anni ‘20 dove è ambientata la serie, in un mondo che, fino ad allora è dominato da soli uomini e un “tantino”  maschilista, ognuna a modo suo cercherà di cambiare qualcosa!

5 fantastiche stagioni per farti sognare, consigliatissimo!

VELVET

Se siete dei romanticoni e se siete innamorati dell’amore questa serie spagnola vi terrà incollati allo schermo fino all’ultimo episodio.

Ci troviamo a fine anni ’50 a Madrid,  la protagonista è Ana, giovane sarta orfana  che vive e lavora presso le Gallerie Velvet da quando era bambina e lo zio la accolse.

Ana  è perdutamente innamorata di Alberto, il figlio del proprietario delle Gallerie Velvet ma, dovranno affrontare moltissime  difficoltà per riuscire a stare insieme!

Serie dolce e romantica 😍

ÉLITE

Se ti piacciono le serie adolescenziali questa è perfetta per te.

La serie è ambientata in un prestigioso liceo di Madrid e racconta la vita di  un gruppo di ragazzi, che si ritroveranno alle prese con amori impossibili, lotte di classe, discriminazioni e anche con un omicidio, Marina, una loro amica e compagna  infatti viene brutalmente assassinata, chi tra loro sarà stato?

Gli amanti della casa de papel ritroveranno anche qui diversi attori come Rio e Denver…

FARIÑA

Questa serie tv è tratta da una storia vera, accaduta in Galizia negli anni ‘80.

La storia ricostruisce la vicenda realmente accaduta di Sito Miñanco, considerato il Pablo Escobar spagnolo. 

Un tranquillo pescatore che fatica a guadagnarsi da vivere si fa notare grazie alla sua abilità nel manovrare barche da un boss locale per il quale inizierà a contrabbandare sigarette. 

Miñanco diventa in seguito un famigerato narcotrafficante galiziano, grazie alla sua astuzia e determinazione.

Miñanco infatti  diverrà uno dei principali importatori di cocaina da Panama, facendola arrivare  in Europa attraverso la Galizia.

Fariña racconta l’inchiesta che ha permesso lo smantellamento di questa rete.

Serie molto coinvolgente per gli amanti del genere. 

Disponibile su Amazon prime video.

TOY BOY

In questa serie tv saranno le donne a rifarsi gli occhi!

La serie racconta la vicenda di Hugo, spogliarellista di professione che  una mattina si risveglia su una barca accanto al cadavere carbonizzato di uno sconosciuto…cos’è successo?

Chi sta cercando di incastrarlo? Sarà forse la facoltosa donna con la quale ha una relazione clandestina? 

Se sei curioso non ti resta che vedere questa serie tv!

ALTA  MAR

Per gli amanti dei gialli, questa serie spagnola è un’ eccellenza.

Carolina ed Eva sono due sorelle che partono dalla Spagna a bordo di un transatlantico per raggiungere Rio de Janeiro.

Partita la lussuosa nave viene ritrovato il corpo di una persona assassinata, il cui nome non figura sulla lista dei passeggeri e che nessuno ricorda di avere visto.

Le due sorelle insieme ad un affascinante ufficiale di bordo indagheranno sull’accaduto…

Cosa succederà ai passeggeri? chi sarà l’uomo misterioso e quali altri segreti si nascondono tra le cabine di questa nave? 

Non resta che seguire questa avvincente serie tv!

ALLÌ ABAJO

Divertente commedia, questa serie tv racconta le vicende di Iñaki un giovane ragazzo dei paesi baschi che si ritrova bloccato a Siviglia con la madre che lo farà impazzire!

Come dicevo prima, questa serie è veramente divertente e riprende gli stereotipi e le differenze tra nord e sud,  in questo caso tra Paesi Baschi e Andalusia in maniera esilarante facendoti capire che in fondo le differenze sono solo geografiche.

Se decidi di vedere questa serie tv in lingua originale potrai immergerti nella cultura spagnola e divertirti ascoltando i diversi accenti diversissimi l’uno dall’altro, anche perché nei Paesi Baschi si parla Euskera la loro lingua ufficiale!

Consiglio questa serie tv per tutta la famiglia.

VALERIA

Altra serie tv tutta al femminile, dove tre amiche Carmen, Lola e Nerea affiancano e sostengono Valeria, scrittrice in piena crisi lavorativa e matrimoniale. 

In questa serie verrai coinvolto in un vortice di emozioni tra amori, amicizie, gelosie, infedeltà, dolori, gioie e segreti.

Bene, ora non ti resta che scegliere la tua serie tv spagnola preferita!

buona visione 🍿🥤 

⛈️ Meteo in spagnolo

Ciao, oggi parliamo del tempo, come chiedere che tempo fa e come rispondere in modo corretto grazie al nostro madrelingua Julio.

Immagina di trovarti per esempio in ascensore e vuoi iniziare una conversazione con qualcuno, sono sicurissima che inizierai proprio parlando del tempo,  del freddo pungente, ti lamenterai del troppo caldo  della pioggia incessante o sarai felice della bella giornata di oggi, ma se ci troviamo in Spagna? 

Come iniziamo a parlare di questo?

Vediamo insieme varie  forme colloquiali in spagnolo per parlare del clima:

¿Qué tiempo hace? – Che tempo fa? 

Hace mucho calor – Fa molto caldo

Hace mucho frio – Fa molto freddo

¿Sabes qué temperatura hay fuera? – Sai quanti gradi ci sono? 

estamos a 20 grados -Ci sono 20 gradi 

Hace mucho calor – Fa molto caldo

Hace mucho frio –  Fa molto freddo

¡Qué calor! – Che caldo! 

¡Qué frío hace! – Che freddo!

Hoy… hace sol – Oggi… c’è il sole 

Hoy… está nublado – Oggi… è nuvoloso 

Hoy…está lloviendo – Oggi… piove

¡Qué día más bueno/malo/soleado/nublado/invernal/primaveral…! Che bella giornata/ brutta/ soleggiata/ nuvolosa/ invernale/ primaverile..! 

¡Qué\ arcoiris tan bonito! – Che bell’arcobaleno! 

¿Cuándo fue la última vez que llovió? – Quando è stata l’ultima volta che ha piovuto?

Un modo semplice e carino è quello di iniziare una conversazione con qualcuno partendo dal clima e con queste piccole e semplici frasi potrai rompere il ghiaccio e iniziare a instaurare una conversazione senza nessun problema!

 📢 Ascolta il nostro 44° podcast dove Julio il nostro madrelingua spagnolo ti aiuterà con il meteo in spagnolo!

💃 LA MOVIDA SPAGNOLA

Ciao, oggi parliamo di vacanze e più precisamente della movida spagnola, come la Spagna viene ancora considerata dai moltissimi giovani la nazione del divertimento, delle discoteche aperte fino al mattino, dei suoi locali notturni e delle sue splendide spiagge.

Con il prezioso aiuto di Julio il nostro madrelingua spagnolo ti portiamo a conoscere e a scoprire le migliori mete dove la movida e il divertimento sono assicurati!

 Ibiza

La numero uno tra le destinazioni scelte per chi ama la vita notturna la troviamo nelle isole Baleari ed è Ibiza, si, è lei la meta preferita da molti giovani grazie anche ai numerosi  dj di fama internazionale che ogni anno si esibiscono proprio qui.

Ibiza conta numerose discoteche all’aperto con piscina dove vengono organizzati spettacoli dal pomeriggio fino a notte.

Possiamo trovare locali notturni di ogni tipo e bar alla moda per l’immancabile l’aperitivo serale 

Le sue spiagge e calette da sogno creano un contorno perfetto e fanno sì che a quest’isola non manchi proprio nulla!

 Magaluf

Sempre restando alle Baleari ci spostiamo su un’altra meravigliosa isola spagnola, Maiorca, dove troviamo Magaluf, un piccolo paesino non lontano da Palma De Maiorca, piccolo ma grande in quanto divertimento, qui infatti troviamo la discoteca più grande d’europa. .

Magaluf gode di lunga spiaggia sabbiosa ed è dotata di stabilimenti balneari  e servita da locali, ristoranti e bar, di notte si trasforma in una discoteca a cielo aperto, diventando famosa così per la sua vivace vita notturna.

Per i ragazzi più tranquilli o che cercano alternative possiamo dire che nelle vicinanze possono trovare parchi a tema, come Western Water Park e cinema in 4D.

Tenerife

Sempre su un’isola ma questa volta nelle meravigliose isole Canarie, troviamo  Tenerife, capitale della movida Canaria.

Godendo di un clima mite tutto l’anno qui la movida è sempre assicurata.

Il divertimento, le stupende e selvagge spiagge, i numerosi locali a tema e le discoteche che troviamo qui non hanno niente da invidiare a nessun’altro posto!

 Benidorm

Nel sud della Spagna in costa Blanca a Valencia troviamo la meta preferita per i giovani che amano la movida e i suoi festival estivi all’aperto, ogni anno accorrono numerosissime persone da tutta europa per assistere a questi incredibili spettacoli d’animazione che sono i più famosi di tutta la Spagna.

Non mancano di certo altri divertimenti quali locali di tendenza e ben oltre 150 discoteche per ballare e tirare mattina.

Che ne pensi, possono bastare?

Lloret de Mar

Spostandosi sulla Costa Brava troviamo la meta più economica di tutte, Lloret de Mar.

Qui  lunghe spiagge, hotel, residence, ristoranti, bar, discoteche e stabilimenti balneari ne fanno da padrona, potremmo azzardare a dire che ogni cosa a Lloret de Mar è stata creata per il divertimento e la sua movida non ti stancherà, ti farà ballare fino all’alba.

Se ti trovi in Costa Brava puoi fare una scappata a Sitges, località “aperta”,

molto tollerante e tra le destinazioni preferite dalla comunità LGBT dove anche qui la movida spagnola si fa sentire a suon di feste e balli fino al mattino.

Per chi volesse anche visitare altro, possiamo segnalarti che proprio a Lloret de Mar si trova il parco acquatico più grande d’Europa.

Barcellona

Barcellona non può non essere nominata in questo elenco di movida spagnola, la capitale della Catalogna è movida allo stato puro.

Chi decide di fare le vacanze qui ha solo l’imbarazzo della scelta tra le affascinanti opere di Gaudì, musei, monumenti, pub, bar, ristorantini tipici, il mare (Barceloneta è il quartiere preferito dai giovani) e le sue grandi spiagge.

Per finire la Rambla  ed il quartiere Gotico dove si concentra tutta la vera movida catalana e spagnola.

Per una vacanza veramente completa Barcellona non può mancare.

Ora non ti resta che decidere la tua meta preferita e fare fiestaaaa!!! 🥳 💃 

Cosa visitare in Spagna💃 6 feste spagnole imperdibili

Ciao,oggi parliamo di cosa visitare in Spagna e delle 6 feste spagnole più spettacolari 🎉 che dovrai assolutamente partecipare se ti trovi in Spagna!

Di feste spagnole ce ne sono davvero tante e per tutti i gusti, dalle più classiche alle più bizzarre, ma noi ti faremo scoprire le 6 feste da visitare in Spagna più importanti e belle . 

Scopriamo insieme a Julio il nostro madrelingua spagnolo cosa visitare in Spagna e le 6 feste più famose . 

La Tomatina 

La battaglia dei pomodori

Ad agosto a Buño in Galizia potrai partecipare ad un evento veramente stravagante, la festa de La Tomatina dove un’orda di persone si lanciano migliaia di pomodori  tra loro riempiendo le strade e lasciandole piene di polpa di pomodoro.

In onore dei santi patroni della città, Luis Bertran e Mare de Déu dels Desemparats si celebra a fine di una settimana ricca di svariati eventi una vera e propria  battaglia dei pomodori.

Sulla piazza vengono portate grandi quantità di pomodori e la battaglia (che dura circa un’oretta) ha inizio.

Le regole per poter partecipare sono molte chiare,è vietato lanciare qualsiasi tipo di oggetti che non siano pomodori e l’inizio e la fine della “battaglia” sono sancite dallo sparo di due razzi, al termine di quest’ultimo non si potrà più lanciare pomodori.

Questo singolare scontro si svolge in Plaza del Pueblo l’ultimo mercoledì di agosto, e sai quante persone vi partecipano? Circa 40 mila! 

Sei pronto a combattere a suon di pomodori?

Fiesta Mayor de Gràcia 

Acrobati e spettacoli pirotecnici a Barcellona

Ad agosto, più precisamente dal  15 al 21 troviamo un’altra festa da non perdere, la Fiesta Mayor de Gràcia che trasforma le strade del quartiere di Barcellona in una gigantesca mostra d’arte a cielo aperto.

Barcellona è famosa per essere una città cosmopolita, festaiola e ricca di spettacolari eventi tutto l’anno. 

Gràcia è un quartiere di Barcellona che per molti anni fu escluso da questa, proprio perché si trovava fuori dal centro, successe poi che con l’aumento della popolazione le numerose nuove costruzioni si unirono a questo quartiere che smise di essere isolato e anzi, divenne protagonista di questa spettacolare festa. 

Questa festa non ti deluderà in quanto a spettacolarità, così come nessuna del resto. 

Durante tutta la giornata le famiglie potranno divertirsi con i bambini partecipando a giochi e fiere gastronomiche, la sera invece tutto diventa magico, si potrà infatti godere di  spettacoli con acrobati di strada, musica e sfilate.

La festa si concluderà con colorate lanterne fatte volare in cielo e con gli immancabili spettacolari fuochi d’artificio.

,

Las festas de La Mercè 

La  torre umana

Sempre a Barcellona troviamo un’altra festa , chiamarla festa è un po’ riduttivo ad dire il vero, visto che è uno dei festival più importanti di Barcellona.

Durante l’ultima settimana di settembre migliaia di persone vestite da demoni corrono lanciando petardi  in Plaça de Sant Jaume per celebrare il Santo patrono della città.

Questo è il  tradizionale correfoc dove si svolge uno spettacolo pirotecnico molto scenografico nel quale vengono date alle fiamme le immagini di demoni e draghi.

Acrobatici e partecipanti si sfidano nella costruzione di torri umane “castellers” veramente suggestive.

Gli abitanti del quartiere adornano le strade come se fosse carnevale, con tematiche sempre diverse, potremmo trovarci in una strada tetra fatta di mostri e un’altra incantevole fatta di elfi e fatine.

Personaggi fantasiosi con costumi variopinti rallegrano le strade con gare emozionanti e vincerà chi avrà saputo adornare al meglio la propria “calle”

Boloencierro a Madrid

Sfuggire ad una palla gigantesca 

Questa festa si svolge il 24 agosto a Mataelpino, a 50 km a nord-ovest di Madrid. 

In sostituzione al più cruento e poco rispettoso nei confronti degli animali “Encierro” la tradizionale corsa dei tori, troviamo il Boloencierro un’alternativa sicuramente meno pericolosa e più rispettosa.

Questo evento fu introdotto nel 2011 quando il paese a causa di una profonda crisi economica non poté più permettersi dei tori veri e anziché cancellare questo appuntamento annuale decise di sostituire i tori con queste palle. Diventando così la versione più moderna ed ecosostenibile delle corse dei tori che si svolge a San Firmino. 

I partecipanti di questa festa devono impegnarsi e correre velocemente per sfuggire a un’enorme palla di 200 kg lanciata dietro di loro.

Nonostante questa palla sia realizzata in ferro e rivestita di polistirolo per evitare danni ai corridori, ahimè, durante la competizione non mancano purtroppo gli incidenti e le cadute. 

Ultimamente si sta pensando però di ridurre il peso a 30kg e di introdurre l’obbligo del casco.

E per i bambini? 

Niente paura, esiste una versione anche per loro, fatta di palle di solo polistirolo, leggere e colorate. 

Ad ogni modo puoi stare tranquillo, se non sei un temerario puoi tranquillamente goderti lo spettacolo seduto in uno dei tanti punti di osservazione disseminati lungo il percorso. 

La Batalla del Vino

La battaglia del vino

Vuoi scoprire il vino spagnolo in un modo decisamente originale?

La Batalla del Vino è una festa molto particolare e sarà l’occasione per farti scoprire il vino spagnolo in un modo davvero originale!

Il 29 di Giugno a Haro nella comunità della Rioja, per celebrare il patrono della città San Felices di Bilibio, ogni anno, la piazza principale, Plaza de la Paz, si popola di persone festanti vestite di bianco con un fazzoletto rosso annodato intorno al collo le quali daranno vita  una divertente battaglia.

Le regole del gioco sono molto chiare, macchiare di vino più persone possibili!

Tutto questo lo si può fare utilizzando “armi” come stivali, secchi, pistole a spruzzo, brocche e bottiglie ma è assolutamente vietato l’uso di contenitori di vetro.

Pensa che ogni anno si stima che vengano utilizzati più di 130.000 litri di vino.

Non preoccuparti, parallelamente a questo delirio di vino, c’è una zona dove potrai degustare i vini locali stando tranquillamente seduto ad un tavolo.

Festival de los Patios 

Il festival di primavera

Maggio regala un’occasione unica per ammirare gli oltre 50 splendidi “patios” giardini fioriti che i partecipanti decidono di aprire al pubblico per poterli ammirare.

A Cordóba, grazie a questa festa è possibile per i turisti accorsi da tutto il mondo poter visitare i giardini privati di molte abitazioni che si aprono  al pubblico all’inizio di Maggio per 12 giorni, qui ti assicuro che potrai sbizzarrirti scattando splendide e irripetibili foto di questi “patios” adornati da profumatissimi fiori e da incredibili sculture. 

A Palazzo Viana, un museo del XIV secolo.potrai ammirare sicuramente i “patios” più belli.

Durante la festa non mancheranno gli jotas, concerti di musica tradizionale con chitarra, nacchere e tamburelli, e spettacoli di flamenco.

Se tutta questa bellezza ti potrebbe creare un certo languorino, non temere perchè troverai numerose bancarelle che ti  permetteranno di rifocillarti con deliziose tapas e vino.

📢 Ascolta il nostro 41° podcast e scopri insieme a Martina Anna e il nostro madrelingua Julio cosa visitare in Spagna e le sue 6 feste spagnole imperdibili!

Lo sapevi che…? 15 curiosità sulla Spagna. 🥘

Ciao! Oggi parleremo di segreti e curiosità sulla spagna, piccole “perle” che magari ti sono sfuggite su questo meraviglioso Stato e sui suoi bizzarri abitanti, grazie all’aiuto del nostro madrelingua spagnolo Julio ti sveleremo ogni curiosità sulla Spagna. 

La Spagna ogni anno ci ospita con tanto amore e calore, a noi italiani piace farci coccolare e ogni volta questo paese ci sorprende sempre più! 

Sarà forse per questo che noi italiani vogliamo saperne sempre di più e conoscere la Spagna in ogni sua piccola curiosità e ogni suo segreto?

noi oggi ti vogliamo accontentare,con noi scoprirai una Spagna “segreta” attraverso aneddoti e curiosità indimenticabili!

Lo sapevi che…? Curiosità spagnole: 

Siesta

Lo sapevi che, un luogo comune è associare alla Spagna la “siesta”?

La “siesta” venne introdotta per via delle alte temperature e la lunga digestione dovuta ai cibi molto elaborati e pesanti molti anni fa in Spagna.

In realtà  dai sondaggi di oggi emerge che circa il 60% degli spagnoli non dorme mai il pomeriggio!

Questo succede perchè fare un bel pisolino “siesta” al giorno d’oggi, con la vita lavorativa e gli stessi orari risulta un lusso che non tutti si possono permettere ed è pressoché impossibile anche se si volesse, visto che si inizia a lavorare verso le 9 e si termina anche oltre le 18!

Fanno eccezione i bimbi più piccoli che per loro la “siesta” è quasi un obbligo, infatti i bambini in età prescolare hanno a disposizione un paio d’ore per riposare. 

 Alhambra di Granada

Credevi che il posto più visitato in Spagna fosse la Sagrada Familia?

Ti stai sbagliando, eh sì, contrariamente da quanto si pensa il posto più visitato in Spagna si trova in Andalusia e precisamente a Granada. 

Questo meraviglioso complesso, formato da diversi palazzi e giardini, capolavoro dell’arte araba prende il nome di  Alhambra  ed è l’attrazione più visitata di tutta la Spagna!

L’inno spagnolo

Lo sapevi che l’inno nazionale spagnolo “Marcha Real” è uno dei tre inni al mondo ad essere strumentale?

L’inno spagnolo non ha un testo ufficiale, questo è dovuto al fatto che ad ogni periodo storico ogni re o governatore cambiava a suo piacimento l’inno nazionale. 

 Zafferano

Lo sapevi che la Spagna è uno dei maggiori produttori di zafferano? Si, questo immancabile ingrediente per eseguire una perfetta paella in spagna è a km zero. 

Il costo esorbitante dello zafferano (500€ al kg) è dovuto al fatto che per farne un solo kg servono 250.000 fiori, per questo viene chiamato anche l’oro rosso. 

A Castilla La Mancha possiamo trovare il miglior zafferano di tutta la Spagna grazie al suo mite clima. Questo zafferano si distingue da altri perché gli stimmi fuoriescono dal fiore mentre  lo stelo è molto corto.

Lo zafferano si ottiene dagli stimmi del fiore che una volta essiccati potranno essere utilizzati per condire svariati cibi lasciando ai piatti  un sapore amarognolo ed esotico dall’inconfondibile color arancio/rosso .

Questa pianta originaria dell’Asia centrale, detta anche oro rosso è la spezia più costosa al mondo.

Olio d’oliva

Anche qui ti stupirai nel trovare la Spagna come principale produttrice di olio d’oliva al mondo, se ti può consolare al secondo posto ci siamo noi italiani… 

Quasi tutte le regioni della Spagna producono olio d’oliva, ma è il sud della Spagna ad esserne leader.

Lo sapevi che la Spagna produce oltre il triplo rispetto all’Italia?

Si, ed il loro 44% a livello mondiale, fa sì che gli spagnoli non hanno rivali!  Non male direi.

Sublimotion

Questo è in nome del ristorante più caro del mondo e lo si trova ad Ibiza.

Se sei stanco di mangiare in ristoranti anonimi e poco “borghesi” e sei alla ricerca di qualcosa di veramente “super” allora il Sublimotion fa al caso tuo!

Lo sapevi che con “soli” 1.700€ a persona puoi avere la possibilità di cenare al Sublimotion?

Che dire, alla portata di tutti, no? 😅

Cádiz

In Andalusia possiamo trovare La città più antica d’Europa e tutt’ora popolata, la meravigliosa Cádiz

Le sue origini risalgono, infatti, al 1100 a. C. per opera dei Fenici,  se ha la fortuna di poterla visitare ne rimarrà colpito, sono innumerevoli infatti le cose da vedere, le spiagge, la Cattedrale, i castelli, i musei, La Caleta ti lasceranno senza parole!

Bar

Lo sapevi che I bar sono così importanti in Spagna da  trovarne uno ogni  169 abitanti?

Gli spagnoli non rinunciano alla cerveza e ai tapas dopo il lavoro, così da influire sulla quantità di bar che hanno dovuto aprire per far fronte a così tanta richiesta ( dovuta anche ai molti turisti) 

Se ti trovi in Spagna, non faticherai a trovarne uno!

alcool 

Lo sapevi che la Spagna detiene anche un altro, poco piacevole, primato? 

Il consumo di alcool qui è tra i più alti al mondo, si stima che sia addirittura quasi il doppio della media a livello mondiale circa 11 litri  di alcol/persona all’anno.

Attenzione a guidare se avete bevuto perché in Spagna per chi risultata avere un tasso tra 0,25 (limite minimo) e 0,5, verrà sanzionato con 500 euro e gli verranno decurtati anche 4 punti dalla patente;

Se il tasso alcolico invece dovesse risultare tra 0,5 e 0,6 g/l, la sanzione è di 1.000 euro e la decurtazione punti sale a 6.

Pena molto più severa per chi risultata aver superato i 0,6 g/l che verrà denunciato e sarà il giudice a determinare, in relazione al tasso risultante, pene comprese tra i tre ai sei mesi di prigione, o inserirvi al lavoro socialmente utile da 30 a 90 giorni. 

Se questo dovesse succedere potere di addio alla vostra patente di guida per un tempo che va da uno a quattro anni. 

 Invenzioni

Lo sapevi che gli  spagnoli hanno inventato moltissime cose? 

E si, è proprio grazie alla Spagna che possiamo godere della  calcolatrice digitale,del mocio per lavare il pavimento, della  siringa usa e getta, del sottomarino e sempre grazie agli spagnoli possiamo giocare al calcio balilla e mangiare i chupa-chupa!

Fondamentalmente gli spagnoli mettono un palo a qualcosa e dicono di aver trovato l’invenzione del secolo! 😂

Prendono una caramella, gli mettono un bastoncino ed ecco che hanno inventato il chupa chupa! 

Ad uno straccio per il pavimento mettono un bastone e voilà, il mocio! 

Sono fantastici questi spagnoli! 

Giorni non lavorativi

Un’altra curiosità spagnola sono i giorni non lavorativi. 

Sapevi che la Spagna detiene un altro bel primato che rende sicuramente molto felici i lavoratori spagnoli? 

Con ben 14 giorni festivi all’anno, è uno dei paesi europei con più giorni non lavorativi, beati loro! 

Omosessualità 

La Spagna e gli spagnoli vivono  l’omosessualità come qualcosa di assolutamente normale;

Qui infatti solo il 6% della popolazione crede che sia un problema inaccettabile moralmente, così come solo il 10% degli spagnoli considera un problema avere come vicino una persona di un’altra etnia.

Un applauso agli spagnoli!

Multe spagnole

Lo sapevi che  guidare per le strade spagnole mettendo  fuori dal finestrino il braccio o la mano  è vietato?

Si rischia di essere multati con un’ammenda di circa 100 €!

Dunque fate attenzione se non volete rogne. 

Un’altro divieto curioso,  sicuramente non gradito agli innamorati è il bacio! Proprio così, è vietato baciarsi in automobile per una guida più sicura, pena una salata multa,le mani devono stare sul volante! 

La sicurezza stradale vince su tutto, anche sull’amore. 

Fuso orario 

Un’altra curiosità è che la Spagna è geograficamente nel fuso orario UTC±0:00 dato che il suo territorio attraversa precisamente il meridiano di Greenwich, dovrebbe avere lo stesso fuso orario del Regno Unito e Portogallo, un’ora in meno rispetto all’Italia.

Sai perché non è così? 

Perché il dittatore Francisco Franco nel 1942 cambiò il fuso orario per compiacere Adolf Hitler e avvicinare la Spagna agli stati amici quali Germania ed Italia. 

Impose così l’uso dell’ l’Ora Centrale Europea, la stessa usata da questi paesi 

è per questo motivo che anche i nostri “cugini” vanno un’ora avanti in inverno e due d’estate, così come succede in italia. 

Dunque se ti trovi in Spagna ora sai perché il sole in una giornata estiva tramonta alle 22! 

Trapianto di organi

 Lo sapevi che un altro importante primato europeo dove la Spagna ne può andare  orgogliosa è la donazione e trapianto di organi?

La Spagna è la prima della classe a livello mondiale per numero di donazioni da donatore cadavere, questo è dovuto anche al fatto che non hanno limiti di età nei pazienti, oltre il 10 % infatti è sugli 80 anni. 

Un’altra importante differenza è rappresentata dal fatto che la Spagna non considera possibile l’espianto la donazione solo dopo la morte celebrale ma considera possibile l’espianto anche con la sola morte circolatoria, ovvero quando circolazione, battito cardiaco e respirazione si sono definitivamente fermati. 

Con una media di 43,4 donatori per milione di persone, e con un aumento sempre più costante negli ultimi anni, la Spagna è nettamente superiore alla media europea, che è di 19,6 donatori per milione di persone, entrando così ad essere leader mondiale. 

Queste sono le 15 curiosità  sulla Spagna, ovviamente ce ne sono altre ma queste  sono sicuramente le più carine e divertenti sui nostri “cugini” spagnoli!

✍️ Come si dice l’ora in spagnolo

Ciao, oggi impariamo a chiedere e a rispondere che ore sono in spagnolo 🕑 grazie all’aiuto di un vero madrelingua, il nostro amico Julio.

Una delle prime cose che ci possono servire quando viaggiamo in Spagna è come si chiede l’ora in spagnolo e come dire l’ora in spagnolo, per questo ti spieghiamo come farlo in modo corretto e semplice.

Ok, questa è una cavolata perché tutti abbiamo il cellulare o un orologio 😬 ma è pur vero che chiedere l’ora spesso si usa per rompere il ghiaccio, magari per vincere quell’imbarazzo che si crea dentro un ascensore o più semplicemente è un classico approccio per imparare una lingua nuova.

Come chiedere l’ora in spagnolo

¿Qué hora es?  si traduce in “che ore sono”?

¿Tienes Hora?, si traduce in  “sai l’ora”?

¿perdona, me puedes dar la hora? ¿scusami, puoi dirmi le ore?

Dire l’ora in spagnolo, come si risponde

Se l’ora è singolare come ad esempio: l’una, si usa “es” (la terza persona singolare),

alla domanda ¿Que hora es?  si risponde “es la una”

Quando l’ora è al plurale si usa “son”, quindi alla domanda: “ ¿perdone me puede decir la hora?” si deve rispondere “son las 3”

  • Es la una del medio dia.
  • Son las tres.

I Minuti in spagnolo

  • Se ci si trova nella prima mezz’ora, tra le ore e i minuti andrà posta la congiunzione Y, per esempio: “Son las cuatro y veinte”.
  • “Es la una y diez”.

Se invece ci troviamo nella seconda mezz’ora, tra le ore e i minuti ci sará  la congiunzione “menos”: 

  • “Son las dos  menos cinco”.

Quando dobbiamo esprimere la mezz’ora esatta si utilizza l’espressione “y media” .

  • “son las seis y media”
  • “Son las dos y media”

Il quarto d’ora si dice “y cuarto” 

  • “Son las seis y cuarto de la mañana”
  • “Es la uno menos cuarto”.

Le parti del giorno si dividono in:

Mañana: dalle 6 alle 12

Tarde: dalle 12 alle 19

Noche: dalle 19 alle 24  

Madrugada dalle 24 alle 6

ESEMPI 

Qué hora es?

08:08 = Son las ocho y ocho de la mañana

15:20 = Son las tres y veinte de la tarde

20:15 = Son las ocho y cuarto de la noche

Se invece vogliamo sapere o descrivere quanto tempo è durata un’azione, oppure quando ha avuto inizio, quando finirà, etc. dobbiamo usare le preposizioni: vediamo insieme quali.

Esempi:

¿Hasta qué hora dura la fiesta? = Fino a che ora dura la festa?

¿Hasta qué hora puedo llamarte? = Fino a che ora posso chiamarti?

¿Hasta qué hora se sirve el desayuno? = Fino a che ora si può fare colazione?

¿Desde cuándo estamos aquí? = Da che ora siamo qui?

¿Desde cuando estás trabajando? = Da che ora lavora?

¿Desde de que hora y hasta que hora trabajas? = Da che ora fino a che ora lavora?

¿Para qué hora los quieres? = Per che ora lo vuole?

¿Para qué hora necesitas el informe? = Per che ora ha bisogno del rapporto?

¿A qué hora pones el despertador? = Per che ora metti la sveglia?

Estarás en casa hasta las 17:30 = Fino a 17.30 di sera sará in casa

La película comienza a las 9 de la noche = il film inizia alle 9 di sera

Estarás en casa hasta las 17:30 = fino alle 17.30 di sera sarà in casa

✍️ PARTI DEL CORPO IN SPAGNOLO

Ciao, oggi impariamo insieme le parti del corpo in spagnolo ✍️  e grazie al nostro madrelingua spagnolo Julio lo faremo in modo semplice e chiaro. 

Le parti del corpo in spagnolo hanno un’assonanza diversa dalle nostre, infatti molte spesso ci troviamo davanti a parole in spagnolo molto simili alle nostre italiane, ma non le parti del corpo, che non hanno niente a che vedere con il corrispondente termine in italiano, anzi, a volte potrebbero anche esserci dei divertenti doppi sensi. 

Immagina di essere all’estero e per un qualsiasi motivo ti devi recare in ospedale, da un medico o in farmacia, sapere le parti del corpo in spagnolo è pressoché fondamentale se vogliamo far capire che abbiamo male ad una spalla o abbiamo un mal di gola. 

Sapere come dire i nomi delle parti del corpo in spagnolo è indispensabile! 

Qui sotto troverai una guida che sicuramente può rivelarsi molto utile. 

Vediamo le principali parti del corpo in spagnolo:

Corpo umanocuerpo humano
testa cabeza
fronte frente
craniocráneo
faccia cara
volto rostro
guanciamejilla
sopracciglioceja
baffibigote
barbabarba
lentigginipecas
vitacintura
occhioojo
Palpebrapárpado
Pupillapupila
nasonariz
boccaboca
labbralabios
neilunares
orecchioorejas
capellipelo
mento/ pizzettobarbilla / mentón 
nuca nuca
collocuello
spallaombro
pettopecho
capezzolopezón
schienaespalda
panciabarriga / panza
ombelicoombligo
bracciobrazo
avambraccioantebrazo
gomitocodo
ascellaaxila
polsomuñeca
ditodedo
manomano
unghiauña
pollicepulgar
noccanudillo
palmopalma
pubepubis
penepene
vaginavagina
testicolotestículo
naticanalga
gambapierna
cosciamuslo
ginocchiorodilla
stincocanilla
polpacciopantorrilla
cavigliatobillo
tallonetalòn
piedepie

Qui sotto un elenco delle parti del corpo in spagnolo interne:

cervellocelebro
cuorecorazòn
dentidientes
fegatohígado
lingualengua
intestinointestino
molarimuelas
organiórganos
palatopaladar
polmonepulmón
reniriñones
stomacoestómago
venevenas
arteriearterias
golagarganta
sanguesangre

Queste sono le principali parti del corpo in spagnolo che sicuramente potranno servirti!

 📢  Ascolta il nostro 37° Podcast dove potrai ascoltare la pronuncia corretta delle parti del corpo in spagnolo grazie a julio il nostro madrelingua spagnolo.

Quando si usa por e para Differenze

Senza dubbio è un incubo utilizzare in modo corretto por para per noi italiani,😱 capire quando usare para e quando usare por non è semplice,entrambi possono essere tradotti con il nostro “per”

Noi usiamo questa preposizione  per dire più cose, ad esempio:

“grazie per i tuoi consigli” oppure “Luca studia per laurearsi” 

 Nella lingua spagnola questo non avviene, ne usano due ben distinti, “por” e “para”.

Cerchiamo di capire insieme come vanno usate queste due preposizioni por para

Differenza tra por para

In questo caso si utilizza “por” per parlare di rapporti causa-effetto

“gracias por tus consejos”  mentre si usa  “para” per esprimere un obiettivo “Luca estudia para graduarse” 

Purtroppo la scelta non avviene in modo intuitivo e molto spesso si sbaglia e in più vi sono molte eccezioni che ci complicano ulteriormente le cose, ma anche regole basiche che si possono seguire senza troppi problemi,vediamo insieme quali sono e quando utilizzare por e para

quando abbiamo una causa si utilizza por

Quando abbiamo un obiettivo si utilizza para

Usi di por:

Parte del giorno:  

Los deberes  estarán hecho por la tarde

Ora:

Inicio el turno en la fabrica por la mañana

Data:

Yo estuve en barcelona por el 92

Luoghi: 

Anna vive por el centro de bergamo

El tren de barcelona pasa por Zaragoza

Causa:  

No se puede salir por el coronavirus

La preposición “para” la usamos cuando sabemos algo con mucha certeza.  

Usi di “para”

Hora: 

Los deberes estarán acabados para los 18H

Data:  

Anna tiene previsto llegar para el 2 de marzo a barcellona

Direzione:  

El tren va para barcelona

Fine: 

para que la película  tuviera éxito, se preparó un gran lanzamiento

Entrambe le proposizioni si possono combinare nella stessa frase e mantenere i loro usi

El tren Ave pasa por Barcelona y va para Zaragoza.

Anna por las tardes estudia español para entender las películas.

Hoy pasaré por Barcelona para quedar con Anna

Aparta las cortinas por el sol (sposta la tapparella per il sole) 

La causa é il sole, si può interpretare come abbassare la tapperella perché il sole ci dà fastidio oppure alzarla per far entrare il sole 

Aparta las cortinas para el sol

Il fine sarebbe quello di far entrare il sole per scaldare la stanza

Attenzione

In spagnolo l’uso di por e para può cambiare completamente una frase così da renderla anche più chiara  cosa che in italiano non sempre succede come ad esempio:

“sposta le tende per il sole” in questa frase non possiamo capire se le tende si spostano perché entra il sole e ci dà fastidio oppure perché vogliamo che il sole entri

esercizi por y para

Adesso prova a fare qualche esercizio,inserisci por para in modo corretto

[restringido]

  • Hay mucha gente ______ la calle.
  • Lo agarré ______ un brazo.
  • Este regalo es ______ ti.
  • Fui a la tienda ______ unas cerezas.
  • Dijo que lo quería ______ el sábado.
  • Ese reloj no sirve ______ nada.
  • Ya sé ______ dónde ir a tu casa.
  • La reconocí ______ su voz.
  • Ese pescado no sirve ______ freír.
  • Está castigado ______ llegar tarde.
  • Dime ______ cuándo lo quieres.
  • No sé ______ cuánto lo vende.

[/restringido]

📢 Ascolta la spiegazione del nostro madrelingua Julio su quando utilizzare por para