Ciao,oggi parliamo di cosa visitare in Spagna e delle 6 feste spagnole più spettacolari 🎉 che dovrai assolutamente partecipare se ti trovi in Spagna!

Di feste spagnole ce ne sono davvero tante e per tutti i gusti, dalle più classiche alle più bizzarre, ma noi ti faremo scoprire le 6 feste da visitare in Spagna più importanti e belle . 

Scopriamo insieme a Julio il nostro madrelingua spagnolo cosa visitare in Spagna e le 6 feste più famose . 

La Tomatina 

La battaglia dei pomodori

Ad agosto a Buño in Galizia potrai partecipare ad un evento veramente stravagante, la festa de La Tomatina dove un’orda di persone si lanciano migliaia di pomodori  tra loro riempiendo le strade e lasciandole piene di polpa di pomodoro.

In onore dei santi patroni della città, Luis Bertran e Mare de Déu dels Desemparats si celebra a fine di una settimana ricca di svariati eventi una vera e propria  battaglia dei pomodori.

Sulla piazza vengono portate grandi quantità di pomodori e la battaglia (che dura circa un’oretta) ha inizio.

Le regole per poter partecipare sono molte chiare,è vietato lanciare qualsiasi tipo di oggetti che non siano pomodori e l’inizio e la fine della “battaglia” sono sancite dallo sparo di due razzi, al termine di quest’ultimo non si potrà più lanciare pomodori.

Questo singolare scontro si svolge in Plaza del Pueblo l’ultimo mercoledì di agosto, e sai quante persone vi partecipano? Circa 40 mila! 

Sei pronto a combattere a suon di pomodori?

Fiesta Mayor de Gràcia 

Acrobati e spettacoli pirotecnici a Barcellona

Ad agosto, più precisamente dal  15 al 21 troviamo un’altra festa da non perdere, la Fiesta Mayor de Gràcia che trasforma le strade del quartiere di Barcellona in una gigantesca mostra d’arte a cielo aperto.

Barcellona è famosa per essere una città cosmopolita, festaiola e ricca di spettacolari eventi tutto l’anno. 

Gràcia è un quartiere di Barcellona che per molti anni fu escluso da questa, proprio perché si trovava fuori dal centro, successe poi che con l’aumento della popolazione le numerose nuove costruzioni si unirono a questo quartiere che smise di essere isolato e anzi, divenne protagonista di questa spettacolare festa. 

Questa festa non ti deluderà in quanto a spettacolarità, così come nessuna del resto. 

Durante tutta la giornata le famiglie potranno divertirsi con i bambini partecipando a giochi e fiere gastronomiche, la sera invece tutto diventa magico, si potrà infatti godere di  spettacoli con acrobati di strada, musica e sfilate.

La festa si concluderà con colorate lanterne fatte volare in cielo e con gli immancabili spettacolari fuochi d’artificio.

,

Las festas de La Mercè 

La  torre umana

Sempre a Barcellona troviamo un’altra festa , chiamarla festa è un po’ riduttivo ad dire il vero, visto che è uno dei festival più importanti di Barcellona.

Durante l’ultima settimana di settembre migliaia di persone vestite da demoni corrono lanciando petardi  in Plaça de Sant Jaume per celebrare il Santo patrono della città.

Questo è il  tradizionale correfoc dove si svolge uno spettacolo pirotecnico molto scenografico nel quale vengono date alle fiamme le immagini di demoni e draghi.

Acrobatici e partecipanti si sfidano nella costruzione di torri umane “castellers” veramente suggestive.

Gli abitanti del quartiere adornano le strade come se fosse carnevale, con tematiche sempre diverse, potremmo trovarci in una strada tetra fatta di mostri e un’altra incantevole fatta di elfi e fatine.

Personaggi fantasiosi con costumi variopinti rallegrano le strade con gare emozionanti e vincerà chi avrà saputo adornare al meglio la propria “calle”

Boloencierro a Madrid

Sfuggire ad una palla gigantesca 

Questa festa si svolge il 24 agosto a Mataelpino, a 50 km a nord-ovest di Madrid. 

In sostituzione al più cruento e poco rispettoso nei confronti degli animali “Encierro” la tradizionale corsa dei tori, troviamo il Boloencierro un’alternativa sicuramente meno pericolosa e più rispettosa.

Questo evento fu introdotto nel 2011 quando il paese a causa di una profonda crisi economica non poté più permettersi dei tori veri e anziché cancellare questo appuntamento annuale decise di sostituire i tori con queste palle. Diventando così la versione più moderna ed ecosostenibile delle corse dei tori che si svolge a San Firmino. 

I partecipanti di questa festa devono impegnarsi e correre velocemente per sfuggire a un’enorme palla di 200 kg lanciata dietro di loro.

Nonostante questa palla sia realizzata in ferro e rivestita di polistirolo per evitare danni ai corridori, ahimè, durante la competizione non mancano purtroppo gli incidenti e le cadute. 

Ultimamente si sta pensando però di ridurre il peso a 30kg e di introdurre l’obbligo del casco.

E per i bambini? 

Niente paura, esiste una versione anche per loro, fatta di palle di solo polistirolo, leggere e colorate. 

Ad ogni modo puoi stare tranquillo, se non sei un temerario puoi tranquillamente goderti lo spettacolo seduto in uno dei tanti punti di osservazione disseminati lungo il percorso. 

La Batalla del Vino

La battaglia del vino

Vuoi scoprire il vino spagnolo in un modo decisamente originale?

La Batalla del Vino è una festa molto particolare e sarà l’occasione per farti scoprire il vino spagnolo in un modo davvero originale!

Il 29 di Giugno a Haro nella comunità della Rioja, per celebrare il patrono della città San Felices di Bilibio, ogni anno, la piazza principale, Plaza de la Paz, si popola di persone festanti vestite di bianco con un fazzoletto rosso annodato intorno al collo le quali daranno vita  una divertente battaglia.

Le regole del gioco sono molto chiare, macchiare di vino più persone possibili!

Tutto questo lo si può fare utilizzando “armi” come stivali, secchi, pistole a spruzzo, brocche e bottiglie ma è assolutamente vietato l’uso di contenitori di vetro.

Pensa che ogni anno si stima che vengano utilizzati più di 130.000 litri di vino.

Non preoccuparti, parallelamente a questo delirio di vino, c’è una zona dove potrai degustare i vini locali stando tranquillamente seduto ad un tavolo.

Festival de los Patios 

Il festival di primavera

Maggio regala un’occasione unica per ammirare gli oltre 50 splendidi “patios” giardini fioriti che i partecipanti decidono di aprire al pubblico per poterli ammirare.

A Cordóba, grazie a questa festa è possibile per i turisti accorsi da tutto il mondo poter visitare i giardini privati di molte abitazioni che si aprono  al pubblico all’inizio di Maggio per 12 giorni, qui ti assicuro che potrai sbizzarrirti scattando splendide e irripetibili foto di questi “patios” adornati da profumatissimi fiori e da incredibili sculture. 

A Palazzo Viana, un museo del XIV secolo.potrai ammirare sicuramente i “patios” più belli.

Durante la festa non mancheranno gli jotas, concerti di musica tradizionale con chitarra, nacchere e tamburelli, e spettacoli di flamenco.

Se tutta questa bellezza ti potrebbe creare un certo languorino, non temere perchè troverai numerose bancarelle che ti  permetteranno di rifocillarti con deliziose tapas e vino.

📢 Ascolta il nostro 41° podcast e scopri insieme a Martina Anna e il nostro madrelingua Julio cosa visitare in Spagna e le sue 6 feste spagnole imperdibili!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *